Giovanni Lapis (Presidente)
Giovanni Lapis si laurea con massimo dei voti e lode in Scienze delle Religioni, corso specialistico interateneo dell’Università degli Studi di Padova e dell’Università Ca’foscari di Venezia con una tesi dal titolo: Una ermeneutica buddhista della modernità, incentrata sulla figura del filosofo buddhista giapponese Nishitani Keiji. Possiede inoltre una  laurea triennale, conseguita nel 2006, in Lingue e Culture Orientali presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.
Ha approfondito lo studio della lingua e della cultura giapponese nei suoi vari soggiorni a Kyōto e Tōkyō in Giappone, dove ha avuto anche modo di lavorare come tirocinante all’Ambasciata Italiana di Tōkyō, e come interprete.
A Kyōto ha conosciuto il fotografo giapponese Ashida Yosuke, di cui, come socio fondatore della Associazione Culturale “Punto Giovane”, ha personalmente curato due mostre realizzate  rispettivamente nel 2006 e nel 2009 in provincia di Venezia, organizzando e gestendo le conferenze d’apertura e facendo da interprete e traduttore.
Proseguendo i suoi studi nelle religioni e filosofie del Giappone e dell’Asia Orientale, ha collaborato  nel corso di Storia della Filosofia Buddhista tenuto all”Università di Padova come interprete e collaboratore del Prof. Maeda Nobutake dell’Università di Kyōto.
Attualmente è impegnato nella traduzione di una serie opere del filosofo buddhista giapponese Nishitani Keiji,  inedite in lingue occidentali.
I suoi campi di interesse e studio sono le religioni e filosofie di Cina e Giappone, in particolare il buddhismo giapponese e la sua influenza nel Giappone moderno, l’antropologia e la storia delle religioni.

Maria Rizzuto (Vicepresidente)
Maria Rizzuto ha conseguito con massimo dei voti e lode la Laurea Specialistica Interateneo in Scienze delle Religioni, presso l’Università degli Studi di Padova e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, con una  tesi dal titolo: Dissolversi nel suono. La musica nell’Islam come espressione dell’indicibile. Precedentemente aveva ottenuto  la Laurea di primo livello in Beni Demoetnoantropologici nel 2005 presso l’Università degli Studi di Palermo con una tesi dal titolo: Lo studio del ney per accedere al sema mevlev†: un’esperienza diretta.
Ha partecipato al programma Erasmus nel 2003- 2004 presso l’Ècole Normale Superiéure Lettres et Sciences Humaines di Lyon approfondendo lo studio della lingua araba e della religione islamica in particolare nel suo aspetto esoterico, il sufismo. Ha continuato lo studio della lingua araba presso l’Institut Bourguiba di Tunisi.
Dal 2005 studia il flauto ney ottomano turco con i Maestri Stéphane Gallet, Kudsi Erguner e Giovanni De Zorzi, partecipando nel 2005, 2006 e 2007 agli stage annuali presso il Conservatorio “Cesare Pollin”i di Padova, organizzati in collaborazione con l’Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati (I.I.S.M.C.) della Fondazione “Giorgio Cini” di Venezia tenuti dal M° Gallet, e alle master class presso la Fondazione “Giorgio Cin” i con il M° Kudsi Erguner. Nell’estate 2007 ha partecipato anche allo stage alla Cité de la Musique a Parigi, nell’ambito della Accadémie d’été Européenne, conclusosi con un concerto finale con il M° Erguner in persona. Nel 2008 ha proseguito lo studio del flauto ney presso il Conservatorio “Arrigo Pedrollo” di Vicenza con il M° De Zorzi.
Nel 2007 e nel 2008 ha organizzato, e partecipato in qualità di assistente ai Maestri Gallet e De Zorzi, per l’Officina di Studi Medievali di Palermo, gli stage formativi intitolati Musica sufi ottomano-turca e flauto ney:  pratica strumentale e valori culturali.  Ha presentato delle relazioni ai convegni e curato la pubblicazione degli interventi sulla rivista on-line  http://www.mediaevalsophia.net/.
Nel 2010 ha curato, unitamente a Paolo Urizzi, gli atti del convegno Rivelazione e Conoscenza, sempre presso L’Officina di Studi Medievali di Palermo, di prossima pubblicazione.
I suoi campi di interesse e studio sono l’Islam, in particolare la tradizione sufi, l’antropologia e l’etnomusicologia applicata allo studio delle religioni.

Maria Bombardieri (Responsabile Scientifico)
Maria Bombardieri ha conseguito con il massimo dei voti e lode la Laurea Specialistica in Scienze delle Religioni, indirizzo di Islamistica presso l’Università degli Studi di Padova e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, con la tesi Moschee in Italia. Diritto al luogo di culto e dibattito sociale e politico. Tale studio sarà edito in Italia entro dicembre 2010. Ha inoltre conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione Interculturale nel 2005, con una tesi dal titolo Solidarietà e dissenso: logiche di appartenenza e di esclusione in ambito islamico. Il caso dell’apostasia. Ha approfondito ulteriormente lo studio della lingua araba nel 2008 presso  l’Institut Bourguiba di Tunisi.
Ha preso parte al progetto internazionale di ricerca sui conflitti legati alle moschee in Italia e in Europa, coordinato dal Prof. Stefano Allievi dell’Università degli Studi di Padova (www.nefic.org), redigendo il contributo “Why Italian mosques are inflaming the social and political debate” di prossima pubblicazione da Alliance Publishing Trust. Parte dei dati, tra cui il suo censimento nazionale dei luoghi di culto islamici, sono stati presentati in esclusiva nel servizio L’islam invisibile di Paolo Biondani, l’Espresso n. 43, 29 ottobre 2009 e successivamente pubblicati su quotidiani quali Repubblica, Corriere della Sera, il Sole 24 ore e il Messaggero.
Oltre a ciò ha presentato una serie di interventi sull’immigrazione, l’ integrazione e la partecipazione politica  dei musulmani in Italia in diversi convegni e congressi internazionali quali il World Congress for Middle Eastern Studies a Barcellona in luglio, il convegno SISP a Venezia e il convegno EURISLAM a Copenhagen nel settembre e ottobre 2010. I relativi contributi dai titoli Immigration and integration policies in Italy. The Security Package and its effects e The dawning of Muslim participation in Italian political parties sono di prossima pubblicazione.
E’ stata inoltre assistente del comitato scientifico nell’organizzazione del corso Nuove presenze religiose in Italia. Un percorso d’integrazione. Un percorso rivolto a guide religiose ed esponenti delle comunità islamiche italiane, promosso dal Forum Internazionale Democrazia e Religione dell’Università del Piemonte Orientale e patrocinato dal Ministero dell’Interno (www.fidr.it).
I suoi campi di interesse e di studio sono l’islam e i musulmani, in particolare nelle dinamiche di integrazione e conflitto in Italia e Europa, il dialogo cristiano-islamico, e la sociologia applicata allo studio delle religioni.

Francesca L’Altrelli (Segretario)
Francesca L’Altrelli ha concluso con massimo dei voti e lode gli studi nel corso di Laurea Specialistica  Interateneo in Scienze delle Religioni, presso l’Università degli Studi di Padova e l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi dal titolo L’Illuminazione con questo corpo: la soteriologia del desiderio nella tradizione esoterica del Tachikawaryū. Precedentemente aveva conseguito la  laurea di primo livello in Lingue e Culture dell’Asia Orientale  nel 2006 presso l’Università Ca’Foscari di Venezia.
Ha approfondito lo studio della lingua giapponese nel 2005 presso l’istituto Shibuya Gaigo Gakuin di Tōkyō. Ha conseguito nel medesimo anno la certificazione di lingua giapponese terzo  livello del Nōryoku Shiken.
Ha studiato buddhismo e praticato meditazione vipassana presso il Centro Buddhista Taracittamani di Padova.
Ha collaborato presso il Centro Nazionale di Fotografia di Padova, gestendo la segreteria della mostra. In occasione della mostra fotografica In Afghanistan inaugurata il 27 novembre 2009 a Padova al Museo Civico di Piazza del Santo, ha fatto da assistente e  interprete al fotografo Hans Stakelbeek.
Collabora attualmente come traduttrice dal giapponese e inglese con svariati siti dedicati alla pop culture giapponese.
I suoi principali interessi sono le religioni e filosofie di India e Giappone, in particolar modo il buddhismo esoterico giapponese, l’antropologia e la storia delle religioni.

Emanuele Barro (Tesoriere)
Emanuele Barro nel 2009 si è laureato con lode al corso di Laurea Specialistica Interateneo in Scienze delle Religioni  presso l’Università degli Studi di Padova e l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi dal titolo  L’organizzazione del lessico del greco biblico secondo la teoria delle Matrici, degli Etimi e delle Radicali: un tentativo di comparazione con l’ebraico biblico.  Ha conseguito la laurea di primo livello nel 2007 in Lingue e Culture dell’Eurasia e del Mediterraneo (LICEM) presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi dal titolo: Il lessico dell’ebraico biblico secondo la Teoria delle Matrici e degli Etimi: un tentativo di integrazione con la linguistica storica.
Nel 2008-2009 ha partecipato al programma Erasmus in Francia presso l’Université Jean Moulin (Lyon 3) approfondendo gli studi di linguistica comparata.
Il principale campo di interesse è lo studio del linguaggio religioso ebraico e greco-cristiano, in particolare l’applicazione della linguistica generale allo studio dei mutamenti del significato lessicale dell’ebraico e del greco biblico.
Attualmente è impegnato nella redazione di un articolo di linguistica biblica.